DURANTI SNC

Leader nel settore dello sport e della mobilità punto di riferimento insostituibile per una clientela sempre più vasta ed esigente: dalla famiglia, allo sportivo.

+39 0743224701
info@durantispoleto.com
Via S. Pertini 12
Madonna di Lugo, Spoleto (PG)
REPARTO VENDITE sales@durantispoleto.com
REPARTO ASSISTENZA service@durantispoleto.com


Duranti Spoleto logo

Duranti Cicli e Moto
DURANTI SPORT & MOBILITY

Aperto tutti i giorni

Mattina: 9:00 – 12:30
Pomeriggio: 15:30 – 19:30
Chiuso: Lunedì Mattina
Top

Eurobike 2019: mobilità, innovazione, sostenibilità.

Tra il 4 e il 7 settembre tornando quindi al vecchio format e abbandonando le date estive dello scorso anno, si è tenuta a Firederichshafen, sulle rive del Lago di Costanza, Eurobike: la più importante fiera ciclistica del vecchio continente.

Piaccia o meno, la fiera tedesca continua ad essere un evento chiave nel settore bici, soprattutto per gli operatori maggiormente interessati a comprendere e studiare la futura evoluzione del mondo della bici.

Al netto dell’ormai consueto abbandono dell’esibizione da parte di molti big (soprattutto le case produttrici americane) e del calo di visitatori rispetto agli scorsi anni, Eurobike continua a mostrarci in maniera perfetta quella che è l’evoluzione del ciclo in Europa.

Nonostante il calo degli ingressi, i numeri macinati da questa manifestazione continuano ad essere impressionanti, con oltre 1400 espositori provenienti da tutto il mondo e 60.000 visitatori.

Così come accaduto al Taipei Bike Show, a Friederichshafen scarseggiano le bici muscolari, e in generale sembra proprio essere assente la dimensione della bici come sport agonistico, sparita in favore di una bici pensata come strumento di mobilità quotidiano, salutare e sostenibile. Nulla di cui stupirsi: si tratta di un trend ormai osservato alla fiera da diversi anni a questa parte, che d’altro canto è perfettamente in linea con quelli che sono i numeri della bici in Europa, ed in particolare in Germania, dove di anno in anno l’e-mobility sembra affermarsi sempre con più forza (grazie anche alla sviluppata rete di infrastrutture ciclistiche presenti sul territorio tedesco).

Mobilità, innovazione e sostenibilità ambientale: questi sembrano essere i mantra di Eurobike 2019.

Il focus non sono più ormai solo i nuovi modelli o prototipi di bici e componentistica, ma anche nuove soluzioni per l’espansione di sistemi di trasporto ecologici e facilmente accessibili, come ci mostra l’azienda tedesca ZEG, che con il suo progetto “Sharea” intende fornire i condomini con strumenti di e-mobility da custodirsi in specifiche aree private a disposizione dei residenti del condominio.

Le bici, in particolare i nuovi modelli, continuano comunque ad essere le star dello show, e se da un lato il predominio dell’e-Bike potrebbe far storcere il naso a numerosi puristi, dall’altro esso permette di abbandonare la rincorsa al modello più leggero per concentrarsi su innovative soluzioni di design e progettazione. La Bianchi e-SUV, di cui vi abbiamo già parlato, è solo uno dei tanti modelli che stravolgono la vecchia concezione di bici.

Tra i tanti modelli vale la pena ricordare alcuni vincitori dell’Eurobike Award, come ad esempio la Superdelite della tedesca Reise & Muller, e-Bike robusta, con portapacchi integrati, pensata in tutto e per tutto per percorrere lunghe distanze su qualsiasi tipo di terreno in puro stile cicloturistico; oppure la Cento 1 Hybrid dell’italiana Wilier Triestina, che con lo strabiliante peso di soli 10,5 kg si attesta come una delle e-Bike più leggere in assoluto; o ancora la G6 della croata Greyp, gioiello dell’innovazione, con una telecamera posteriore e anteriore controllabili da un comando al manubrio e in grado di renderci costantemente aggiornati sulle eventuali situazioni di pericolo.

Si assiste anche ad una crescita del settore cargo, ma ancora più interessante è l’ascesa della Gravel, che sembra attestarsi come una delle tendenze più interessanti ed in maggiore crescita nel settore muscolare.

Per quanto riguarda gli strumenti d’allenamento indoor, siamo rimasti stregati dalla nuova Wahoo KICKR BIKE, in arrivo in Italia per il prossimo anno, che porta ad un nuovo livello il concetto di power trainer mostrato dall’azeinda statunitense con i propri rulli. Una cyclette/spinning in grado di replicare esattamente la sensazione di pedalata di una vera bici, dalle misure perfettamente aggiustabili in qualsiasi momento, alla possibilità d’installazione di vari tipi di pedale, alla simulazione dei cambi Shimano e SRAM, alla possibilità di cambio del manubrio fino alla frenata realistica (oltre alla simulazione della pendenza, ormai marchio di fabbrica di Wahoo).

Per quanto riguarda l’abbigliamento segnaliamo il grande successo delle maglie Superlight dell’italiana rh+, che con soli 93 g ha dato vita alla maglia estiva perfetta, connubio sublime tra tecnicità, comfort e traspirazione.

Resta un po’ di amaro in bocca per la pesante assenza di molti marchi leader e di numerosi produttori italiani, rilegati a poco al di fuori del fragoroso ritorno di Bianchi e Wilier.

Eurobike rimane ancora un evento immancabile e pieno di sorprese sia per gli operatori del settore e per gli appassionati, e siamo felici di poter portare queste novità ai nostri clienti.

Photo credits: EUROBIKE Friedrichshafen

Share
No Comments
Add Comment
Name*
Email*